Nuova carta del servizio idrico integrato Acquedotto Pugliese S.p.A.: EUREKA!

Sembra proprio il caso di esclamare “EUREKA!” così come Archimede nel III sec. A.C. per tutti gli amministratori di condominio pugliesi ed ovviamente per tutti i proprietari di unità immobiliari a seguito della notizia della imminente convocazione a un tavolo di concerto con autorità Idrica Pugliese ed  Acquedotto Pugliese S.p.A. al fine di sottoscrivere nuova Carta del Servizio Idrico Integrato.

Se ne è discusso a Bari il 26 settembre scorso presso l’hotel Excelsior tra esponenti istituzionali, nonché rappresentanti di associazioni di categoria e esperti della materia condominiale. L’incontro ha avuto come discussione cruciale il servizio idrico integrato, confrontando esperienze diverse con aspetti giuridico-legali.

La presentazione tenuta dall’Avv. Francesco Saverio del Buono è stata seguita dai saluti del Dott. Massimo Posca, quale rappresentante di ANCI Puglia in sostituzione del presidente Domenico Vitto, nonché dai saluti inviati dal Dott. Ignazio Zullo, quale consigliere regionale e dall’Ing. Vito Colucci, quale Direttore generale dell’autorità Idrica Pugliese. Assente ingiustificato è stato l’Acquedotto Pugliese.

Ai saluti di rito sono seguite le relazioni del prof. Pierantonio Lisi, docente dell’Università di Bari, sugli aspetti contrattuali tra ente di gestione servizio idrico e condomini, del dott. Isidoro Tricarico, presidente Nazionale della Help Condominio, sulla gestione dei contratti condominiali con previsione di uso promiscuo di acqua, del Dott. Francesco , presidente Nazionale della ARCO, sui criteri di ripartizione dei consumi idrici, e infine dell’avv. Antonio Console, avvocato del foro di Bari, della sospensione del servizio idrico per morosità ed aspetti giudiziari. L’incontro si è concluso con gli interventi dal pubblico circa chiarimenti sugli argomenti di discussione.

La nota saliente è che per la prima volta associazioni di categoria dell’ambito condominiale e immobiliare parteciperanno alla discussione e alla stipula della nuova carta del servizio idrico integrato con la possibilità di contribuire in maniera efficace e costruttiva a un migliore servizio dell’erogazione idrica in favore di tutti i contribuenti, evitando l’ormai solita predominanza degli interessi degli enti di gestione preposti. In particolar modo si potrà meglio intervenire sui distacchi idrici per morosità a danno di tutti i condomini, compresi i virtuosi, sulla eliminazione della promiscuità degli impianti condominiali con previsione di diverso utilizzo per tutte le unità diverse da quello a uso abitativo e soprattutto su una maggiore erogazione idrica da parte degli preposti al fine di evitare l’installazione di autoclavi condominiali nei casi di restrizione idrica.

La speranza è che finalmente si possa consentire un uso dell’acqua in maniera più equilibrata e saggia senza svantaggiare coloro che contribuiscono regolarmente al normale utilizzo di un bene di prima necessità.

All’esito della discussione verranno fornite maggiori informazioni nel dettaglio. Appuntamento rinviato.