CondoHotel, Tricarico: “Le associazioni degli amministratori possono aiutare”

L’introduzione del condohotel, formula secondo la quale la proprietà di un albergo a bassa profittabilità può essere ceduta nella misura massima del 40% della superficie, suscita la curiosità dei più. Sembra complesso veder realizzare una misura del genere che, in altri paesi, è invece già realtà.

A tal proposito è intervenuto Isidoro Tricarico, presidente dell’associazione Help Condominio: ” Il

Partecipa al nostro prossimo incontro
codice civile è il riferimento per ogni discussione, su base normativa, di istituti da realizzare o modificare”.
Per quanto concerne l’ipotesi condohotel, seppure la formula sia già stata introdotta con il decreto cosiddetto “Sblocca Italia”, ad oggi non sembra di facile attuazione. Certo, tra i vantaggi c’è quello per i proprietari di strutture alberghiere che, magari in condizioni che necessitino interventi strutturali, potrebbero trovare nuovi capitali dalla vendita di alcune camere.
Cedere parti di una struttura potrebbe, infatti, voler dire di avere a disposizione nuove risorse economiche per sostenere i costi di gestione e, perché no, anche quelli di un’eventuale riqualificazione dello stabile.
Per quel che riguarda la professione di amministratore di condominio, dubito possano svilupparsi collaborazioni nella gestione. Non è stata nemmeno prevista nella formula e, tuttavia, sarebbe stato molto arduo attuarla anche se fosse stata prevista. Si tenga conto, infatti, già delle criticità nella convivenza condominiale, figuriamoci nella co-gestione con un professionista esterno alla proprietà.
Tuttavia – conclude Tricarico – forse sarebbe stato utile consultare le associazioni degli amministratori di condominio. Avrebbero potuto suggerire soluzioni ad alcune inevitabili criticità che verranno a crearsi. Le associazioni di categoria potrebbero aiutare non solo a risolvere piccoli intoppi ma anche ad evitare una semplice scopiazzatura di norme di altri paesi. Rimango convinto che sarà comunque un percorso difficile ma va bene cominciare una discussione seria sul tema”.